Contribution  

Donate using PayPal
Amount:
   
Acquistare "Chi salva chi?"
CSC it
   

Ogni giorno, cresce il numero delle persone che contribuiscono alla realizzazione del progetto film "Chi salva chi?”. Alcune contribuiscono economicamente. Sono stati raccolti più di 112.000 €. Altre traducono interviste. Altre ancora ci forniscono ospitalità e informazioni. Un grazie di cuore a tutti! Senza di voi il film non avrebbe potuto essere girato. La Premiere sarà nell'autunno del 2014 - ancora una volta in più di 150 città europee contemporaneamente, la data esatta è ancora da stabilire.

L' ultima location del film è stata la Spagna. Qui, più che altrove, è divenuto evidente che il salvataggio delle banche è stato il modo per rendere più poveri coloro che già non possiedono nulla e soprattutto cancellare sempre più i loro diritti.

Diventare senzatetto in una notte …

madrid tunnel itIn Spagna, circa tre milioni di appartamenti pronti per essere abitati rimangono vuoti. Tuttavia, ogni mese circa diecimila famiglie vivono il trauma dello sfratto , soprattutto perché hanno perso il lavoro e non possono sostenere i mutui. Non solo perdono le loro case e finiscono per strada se non hanno il sostegno della famiglia, ma non possono nemmeno estinguere il loro debito, anche se costretti a cedere la casa alle banche. Come se non bastasse, devono pagare decine di migliaia di euro di spese legali. A sfregio di quanti non hanno alcuna possibilità di sfuggire alla trappola del debito, il sindaco di Madrid  ha emanato un decreto, affermando che passare la notte per le strade di Madrid sarà punito con una multa di 750 € .

In Andalusia ci sono circa 45 sfratti al giorno. Anche María del Carmen Andújar, di Huelva sulla costa atlantica meridionale della Spagna, con il marito disoccupato e i due figli adolescenti non aveva speranze. Guadagna appena 420 € al mese, l'assegno di disoccupazione del marito, di 400 € al mese, scadrà a dicembre. Stando così le cose, la famiglia è certamente non in grado di sostenere i pagamenti ipotecari. Recentemente, la loro banca ha venduto il loro contratto di mutuo a un fondo speculativo. E quello è spietato! Lo sgombero era previsto per i primi di ottobre . 

Ma poi è soppraggiunto un aiuto inaspettato.

Il governo della regione autonoma dell'Andalusia - una coalizione del partito di sinistra Izquerda Unida e il PSOE - ha deciso già nel mese di aprile huelva maria varare un decreto legge che prevede misure contro le banche che tengono appartamenti sfitti, punendo con multe fino a 9.000 € al metro quadrato al mese. In alternativa, gli sfratti dovranno essere fermati. Questo progetto di legge è stato bloccato dal governo nazionale e trasmesso al tribunale nazionale . A settembre, il governo dell'Andalusia ha comunque approvato la legge. María del Carmen Andújar da Huelva è stata salvata attraverso il seguente provvedimento: quando una famiglia a rischio di sfratto è in grado di dimostrare non essere stata in grado di effettuare i pagamenti negli ultimi tre anni a causa della povertà, la casa può essere requisita alla banca per 3 anni. Durante questo tempo, la famiglia dovrà pagare un affitto sociale pari al 25 % del suo reddito.

Il richiamo di Bruxelles – La Democrazie al salvataggio delle banche

But as soon as the new law was passed, the government of Andalusia was summoned to Brussels. The vice president of the European commission and commissioner for economic and monetary affairs, Olli Rehn, received the president of the automic government of Andalusia, Susana Díaz Pacheco, and her secretary for social welfare, Micaela Navarro with the accusation that the law would put the Spanish bad bank SARAB and the 100 Mrd. € of credit that Europe put to Spain's disposition, at risk. Since the Andalusian government representatives strictly refused to retract the law, the troika consisting of commission, central bank and IMF will assess to what extent the law is incompatible with the bank rescue, and thus the retraction can be enforced.

L'opposizione è l'unica possibilità di salvezza

Nel frattempo, in altre parti della Spagna, gli sfratti continuano tranquillamente. Il comitato che si batte contro l’emergenza sfratti (PAH , Plataforma de afectados por la hipoteca ) che è nato dal movimento di base 15M (Indignados) sta riuscendo sempre di più a portare sotto i riflettori la questione degli sfratti. Che di solito, riesce ad essere evitato grazie alla mobilitazione del quartiere e delle associazioni. E' anche importante che, su pressione anche della PAH, la Corte di giustizia europea abbia dichiarato la legge spagnola sugli sfratti, in cui il debito non viene esitinto, illegale. La sentenza della Corte di Giustizia Europea in Ottobre ha consentito di bloccare lo sfratto di alcune famiglie. Ma la maggior parte degli sfratti non avvengono sotto gli occhi del pubblico. E se è importante per la banca, centinaia di poliziotti intervengono per impedire ogni opposizione.

Modello Germania

La 31enne Amaya non poteva pagare l'affitto col suo magro stipendio di dipendente del call center Konecta a Madrid il 16 luglio; il primo sgombero è stato impedito grazie ad una grande mobilitazione. L'11 settembre, si sono presentati un centinaio di poliziotti. Amaya ha subito un crollo psicologico e ottenuto un certificato di malattia da un medico. Subito il call-center le ha inviato la lettera di licenziamento. L'azienda pur sapendo del certificato medico, tuttavia, basa la sua decisione sulla nuova legge di riforma del mercato del lavoro, che permette di licenziare i dipendenti anche durante il congedo per malattia.

In realtà, la Spagna ha solo copiato - nelle sue più recenti riforme del mercato del lavoro - ciò che è in vigore nella Germania dal governo Schröder: licenziamenti, lavoro temporaneo, contratto di   servizio ... L'unica cosa che non esiste ancora in Germania, è la possibilità di risoluzione del contratto di lavoro durante il congedo per malattia. Questo è il motivo per cui la Spagna è considerata economicamente più competitiva.

Nell'isola dei fortunati

Sfratti: un problema solo dei paesi indebitati del sud? sbagliato! in Germania, paese invidiato da tutti, passa sotto silenzio. A Berlino ci sono circa 22 sfratti al giorno! Ad Amburgo 12!

Per favore contribuite a fermare questa follia! Oltre 112.000 euro sono stati raccolti per il film "Chi salva chi?”. L'obiettivo di 130.000 € non è lontano ora!

   
Facebook Image
   

Supporter